Il Grande Cuore di TDMitalia
La comunità italiana degli appassionati di Yamaha TDM
 
Quattro giorni indimenticabili in Sardegna ... [Reportage]

... DI UN PINGUINO, UNA MARMOTTA E UN KWZMILLISTA

In un lontano giorno di luglio, (se non erro eravamo alla Yamaha Fest ;-D), io proposi al MIO AMICO Gianluca alias Lucabert, per me Lucasberl, un giretto nella mia Terra Santa, vista la probabile mia assenza estiva, da fare ovviamente in moto; ebbene il tutto si è realizzato a nostro modo di vedere, direi in maniera più che ottimale. Unica nota stonata l'assenza di una personcina, appartenente alla contrada dei Cinghiali, che nei giorni precedenti la partenza, ha dovuto rinunciare, suo e nostro malgrado, causa pressanti esigenze professionali, costui è il NOSTRO AMICO Luca Salvini, alias Slarti!

Ha fatto parte dell'allegra combriccola un mio amico di Torino, Tommaso, proprietario di uno Z1000 arancione, che pur essendosi infortunato il giorno della partenza (quattro punti di sutura sul dorso della mano sx all'altezza del mignolo), ha voluto essere parte integrante del viaggio.

Passo ora a descrivervi sensazioni, itinerari, menù di questa mini vacanza.


GIOVEDI' 18 settembre 2003

Sveglia ore 07.15 come tutti i santi giorni, mia moglie che non mi prepara il caffè, come tutti i santi giorni, ma oggi non è un santo giorno è IL GIORNO!

Dalle 10.40 del mattino mi son sorbito un po' di Pronto Soccorso con Tommy, fino alle 15.30, ahimè gli hanno messo 4 punti di sutura, pensavo saltasse tutto, invece stoico e voglioso di una vacanza diversa, alle 17.00 eravamo pronti per metterci in Autostrada alla volta di Genova. Io, Tommy e GLuca ci diamo appuntamento all'ingresso del porto, saluti di rito, ed il traghetto JANAS della Tirrenia (con partenza alle ore 21.00 ed arrivo a Porto Torres ore 06.00), era lì che ci attendeva, ci avviciniamo, dopo le normali pratiche di controllo biglietti, all'imbarco ed in 10 minuti scarsi siamo già in cabina, dopo varie manifestazioni di godimento e riti scaramantici, facciamo la doccia, ci cambiamo, (da perfetti gentleman), ed in thight ci dirigiamo al Ristorante a la Carte, dove abbiamo potuto dare sfogo a tutte le nostre doti di rinomati Sommellier e Gourmet internazionali.

Dopocena a base di cocktails agitati, non-shakerati, sigari cubani, dentifricio Colgate Herbal Fresh, quindi nanna.


VENERDI' 19 settembre 2003

Sveglia ore 05.45
Uscita dal leggero stato di coma ore 05.50
Preparativi vari ed alle 06.45 siamo furoi dal traghetto ed in T.S. (leggasi Terra Sarda-Santa)

Dopo una misera colazione, trasferimento verso Stintino, dove arriviamo alle 08.20, spiaggia della Pelosa, in un clima di deserto assoluto, mare piatto, sole che inizia a scaldare, insomma uno schifo assoluto!!!!!!

Così ci siamo spostati a Stintino paese, per giri in farmacie e bar per ulteriori colazioni vista la precedente miserissima, fatta a P.to Torres. Verso le 09.30 propongo ai miei compagni di merende, ops colazioni, di spostarci verso la nostra vera meta, la costa sotto Oristano, precisamente Costa Verde, località Torre dei Corsari, che rappresentava la 1^ tappa del Mini-Tour, quindi ci dirigiamo verso la SS 131 che percorriamo fino all'uscita di Oristano Sud, per poi attraversare Arborea, e continuare verso S.Antonio di Santadi, con attraversamento del ponte sullo Stagno di Marceddì, ed inizio di percorso curvifero fino a Torre dei Corsari, dove arriviamo intorno alle 12.30. Ci preoccupiamo subito di trovare un albergo, niente di eccezionale, e così optiamo per l'Hotel La Caletta, 3 stelle, camera tripla con lettino per bimbi (Tommy), e piscina a picco sul mare…….che tristezza! Lasciati i nostri effetti personali in camera, indossati i costumi, ci siamo diretti alla spiaggia che come vedrete sulle foto era invasa dai turisti, dopo un bagnetto ristoratore, ci siamo fatti fare due panini a testa, ristoratori anche loro.

Nelle ore successive, c'è chi ne ha approfittato per una pennichella stabilizzatrice, chi ha combattuto la noia giocando a scopa, testa a testa. Intorno alle 17.30, abbiamo pensato di dirigerci verso l'albergo per riposarci un po' a bordo piscina, con bagnetto annesso.

Alle 19.30 siamo rientrati in camera, estrazione sorte dei turni doccia, dopodiché tutti a cena, nel ristorantino dell'hotel con vista mare e tramonti. Dopocena a base di rhum e sigari cubani che Lucabert aveva in quantità industriali. Click. Nanna. Notte. Anche a te. Click. Hai messo la sveglia? Si. Notte. Click

Stintino ore 08.40

Stintino2

Stintino3

Neanche Michelangelo lo avrebbe fatto così

Due dementi


SABATO 20 settembre 2003

Sveglia alle 07.15
Preparativi vari, chiusura bauletti, colazione e partenza alla volta di Sanluri, mio paese di origine, dove ci attendeva un pranzettino a casa di miei zii. All'arrivo a Sanluri abbiamo smontato i bauletti, ed ho accompagnato i ragazzi a Barumini, dove c'è il complesso nuragico più grande della Sardegna e meglio conservato, visita con guide e rientro a Sanluri, dove siamo riusciti a fare una toelettatura alle nostre cavalcature.

Pranzo a base di salsiccia secca, Maloreddus alla Campidanese con sugo alla salsiccia fresca e zafferano, salsiccia e braciole alla griglia, verdura fresca, pecorino fresco e stagionato, dolci del luogo, il tutto innaffiato con del vino Piricciou (novello della zona a bassa gradazione.... 17,5°). Dopo tale mangiata, voi penserete, ad un riposino, invece no, Lucabert ci ha allietato con delle canzoni suonate con la chitarra dei Tazenda, a cui penso fischieranno ancora le orecchie!

Finito l'intermezzo musicale, ci siamo diretti verso Villasimius, passando per Cagliari-tangenziale SS 554, chi ha già percorso la litoranea che da Quartu S.Elena porta a Villasimius, avrà avuto modo di rendersi conto di quanto sia bello farla in moto, ho voluto far provare le stesse emozioni ai miei compagni di viaggio, curve una di seguito all'altra, appena ne imposti una vedi già la successiva, panorami mozzafiato, colori indimenticabili, all'arrivo a Villasimius, ci siamo fatti una bevutina e poi rientro a Cagliari, precisamente Marina di Capitana, dove avevamo appuntamento con il mio amico Ignazio, che ci ha prestato la sua barca per dormire due notti.

Dopo aver scaricato le nostre cose in barca, ci siamo fatti una doccia, cambiati e siamo andati a cena al ristorantino sul porto, pizzettina, quattro chiacchere, due mirti e tutti a nanna, il giorno dopo ci aspettava una dura giornata!!!!!! :-)

Giocherelloni

Il riposo dei marinai

Invalidi di mano

Pranzo Sanlurese

Torre dei Corsari ore 13.00


DOMENICA 21 settembre 2003

Sveglia morbida alle 09.00, colazione al porto, un po' di sole a prua con partitina a scopa annessa, ed alle 12.20 siamo usciti in barca con Ignazio e consorte, alla volta di Torre delle Stelle, per bagnetti vari, pennichelle, spuntini ecc ecc ...

Rientrati in porto alle 19.00, ci siamo preparati per andare a cena a Cagliari, Ristorante Ottagono in viale Poetto, accompagnati dalle nostre amate cavalcature.

Menù: Aragosta con salsina di olio aceto e limone, Aragosta alla Catalana, Insalata di cozze, insalata di polpo, Burrida (anguilla in carpione), fritto di calamaretti e seppioline minuscole, salmone, Fregola con le vongole, spaghetti con vongole e bottarga a cascata, per quanto riguarda i secondi piatti.......li abbiamo saltati :-( Sorbetto e triplo giro di mirto, dopodiché siamo andati a casa di Ignazio per rifarci la bocca con un Rhum di 25 anni, con sigaro annesso per il solo Lucasberl, saluti e baci, rientro alla barca e nanna.

Che tristezza....

Tdm in Costa

Torre delle Stelle


LUNEDI' 22 settembre 2003

Sveglia alle 07.00, preparativi vari, rimontaggio dei bauletti e borse serbatoio sulle motine, e partenza alla volta di Cagliari per fare colazione, benzina ed immetterci sulla SS 131 che ci avrebbe condotto fino a Posada per rabbocco serbatoi (comunque la 900 cosuma nettamente meno della Supersportiva J), finito il rabbocco ci siamo immessi sulla SS 125, direzione S.Teodoro, poi Olbia ed infine Costa Smeralda, pranzo in un chioschetto sopra Porto Cervo, panino con Salsiccia alla griglia e pomodoro, ed un altro con salsiccia e pecorino, birretta, caffè e poi giretto a Porto Cervo sia al porto vecchio che alla Marina, il tempo di bruciare una pagliuzza, abiamo riacceso le belve e ci siamo diretti verso S.Teresa di Gallura, attraversando Arzachena, Palau.

Al nostro arrivo alla spiaggia Sa Rena Bianca di S.Teresa, abbiamo avuto una vista sconvolgente, spiaggia popolata in maniera ordinata, mare trasparentissimo, insomma la voglia era quella di scendere giù e buttarci in acqua, ma ci aspettavano altri km verso P.to Torres, così ci siamo fermati per due gocce di tin-tin ed una bevutina.

La strada che ci ha condotto a Castelsardo, non me la ricordavo così bella, (certo l'avevo sempre percorsa in macchina eheheh :-D), abbiamo fatto una breve sosta anche all'Isola dei Gabbiani, paradiso dei surfisti, ripartenza alla volta di P.to Torres, dove siamo arrivati intorno alle 18.30, sosta per acquisto souvenirs e via al porto, alle 19.45 ci siamo imbarcati, abbiamo sistemato le cavalcature per la notte e siamo saliti in cabina per la doccia e poi a cena, stavolta al Self-Service dove Tommy ha fatto amicizia con la cuoca, menù disastroso, ma che ci volete fare, avevamo già dato!!!!!!!!!!!!!!!!!

Dopo cena sul ponte a gustarci ancora un po' di aria sarda e poi tutti a nanna.

Bellezze naturali

Corsica ad un passo

Vista dal tavolino

Vista dal tavolino2


MARTEDI' 23 settembre 2003

Ore 05.45 sveglia dolce del personale Tirrenia, ore 06.35 eravamo fuori dalla nave, rifornimento al Distributore prima del casello Ge-Ovest, saluti ed io e Tommy via in direzione Torino, Lucasberl direzione Milano.

Alle 08.30 ero già a casa, alle 09.15 in ufficio :-(,
alle 09.30 sul Forum :-)

Sperando di avervi fatto vivere un pezzo di 4 giorni insieme a noi, Vi diamo appuntamento ai prossimi eventi di Tdmitalia

Gianluca-Lucasberl , Max-Deddu68 e TommyZ1000arancio

Calendario
Calendario eventi 2017
Pranzo Nazionale
3 Dicembre 2017
Pagina Facebook TDMItalia
E-Catalogue yamaha-motor.fr E-Catalogue yamaha-motor.fr